Patrizia Cattaneo


Vai ai contenuti

Menu principale:


P. Tardif il carisma di guarigione

Luoghi di guarigione

IL CARISMA DI GUARIGIONE
di Padre Emiliano Tardif



Un giorno un giornalista colombiano mi chiese: “Lei compie miracoli?”. Risposi: “Niente affatto! E’ molto semplice: io prego e Gesù guarisce”. Il giorno seguente pubblicò un articolo sul giornale, intitolato: “Padre Tardif prega e Gesù guarisce”. Quando lo vidi esclamai: “Finalmente un giornalista ha capito come funziona!”. Il carisma di guarigione è per gli altri, non per se stessi. Se così fosse, quando mi è capitato di ammalarmi, mi sarei imposto le mani sulla testa, avrei pregato e sarei guarito, ma non è così!

Un fine settimana, durante un ritiro a Tucson, in Arizona, per 200 latino-americani, il Signore sanò molti infermi, anche da malattie molto gravi, soprattutto artriti e paralisi. La domenica, alle due del pomeriggio, avevo la febbre molto alta. Ero raffreddato e riuscii a esporre l’ultimo argomento con difficoltà. Finito il ritiro mi misi a letto per un giorno e mezzo. Dicevo: “Se il dono di guarigione dipendesse da me, mi imporrei le mani, guarirei e mi alzerei subito dal letto”. Ma il Signore mi insegnò ancora una volta che non sono io che guarisco, ma è Lui.

Ci racconti una guarigione che le è rimasta particolarmente impressa.

Ne racconterò alcune che mostrano il buonumore di Dio. Nel 1984 stavo predicando un ritiro nella città di Monterrey. Durante la messa era molto difficile distribuire la comunione, perché i corridoi erano gremiti di gente. Aiutato da alcuni sorveglianti mi incamminai verso il retro. Mentre passavo tra la folla, e alcuni volevano toccarmi e altri mi chiedevano di fermarmi a pregare per loro, pensavo : “E’ solo Gesù che può guarirli, ma non smettono di cercare il padre Emiliano…”.

In mezzo a tanta gente vidi una signora con gli occhi lucidi di pianto, con un bambino in braccio. Il piccino mi guardava con dolcezza. Mi ricordai del paralitico della piscina di Betzaetà (Gv 5), che non poteva entrare nell’acqua miracolosa, perché non aveva nessuno che potesse aiutarlo. Così mi avvicinai al bambino e gli diedi un bacio. Mi fece un sorriso e continuai a distribuire la comunione.

Normalmente non do baci mentre distribuisco la comunione, ma in quel momento mi sentii spinto a farlo… Il giorno dopo, la signora prese il microfono e, in piedi davanti alla folla, disse : “Ieri, al momento della comunione, il padre Emiliano Tardif passò vicino a noi. All’improvviso si fermò e diede un bacio al mio bambino di due anni, che era completamente sordo. Do gloria al Signore perché da ieri il mio bambino ha cominciato a udire. Dio lo ha guarito. Gloria al Suo nome!”.

Da quel momento la mia vita si complicò. Tutti volevano essere baciati da me, ma io rispondevo: “I baci sono solo per i bambini. Le signore si facciano baciare dai loro mariti!”. Senza dubbio l’insegnamento fu molto efficace. Io non avevo guarito nessuno. Il bacio, per quanto amore esprimesse, non poteva sanare neppure un mal di testa. La verità è che portavo Gesù tra le mani, e Gesù stesso guarì il bambino sordo. Io sono solo l’asino che porta Gesù, per questo Lui continua a guarire gli infermi. Il peggio sarebbe fissarsi sull’asino e non su chi lo cavalca. Il giorno in cui prenderemo coscienza che portiamo Gesù Cristo, il nostro ministero si trasformerà, e non ci limiteremo più tanto a parlare di Gesù, ma lo lasceremo agire con tutta la sua potenza.


Il modo di guarire di Gesù è così strano, che non posso tacere ciò che è accaduto a Monte Maria, dove ogni domenica si riuniscono più di 50.000 persone per la celebrazione Eucaristica in cui padre Gilberto Gómez prega per gli infermi.
In una di queste celebrazioni l’asta della bandiera del Vaticano cadde e colpì una persona storpia, gettandola a terra. Tutti furono addolorati, vedendo che quell’asta così grande e pesante era caduta proprio su un infermo. Tra lo stupore generale, l’infermo si alzò in piedi da solo. La sbarra gli aveva raddrizzato la colonna vertebrale e a tutt’oggi cammina normalmente. Le vie di Dio sono piene di buonumore. A volte Dio ci guarisce con un bacio, a volte con un colpo.

Qual è l’ostacolo principale che impedisce di ricevere i carismi?

Credo sia la paura di perdere la reputazione. I carismi sono una croce e molti non sono disposti a portarla. L’esercizio di alcuni carismi provoca non poco scherno, disprezzo e persecuzioni. Alcuni ci giudicano pazzi. Finché non si è disposti a morire a se stessi, anche a costo di perdere la fama e i privilegi, non riceveremo questi carismi.

Ricordo molto bene un parroco nei dintorni che si burlava dei carismatici. Nelle sue omelie domenicali assicurava che chi parlava in lingue mancava di vitamine… Molti hanno problemi, non lasciano operare lo Spirito liberamente. Vogliono rinchiuderlo in schemi prestabiliti e non lo lasciano agire con la libertà del vento che soffia dove vuole. Chi ha problemi con il microfono è perché dà troppa importanza al giudizio degli altri.

Se fossimo meno gelosi della nostra reputazione, saremmo più aperti allo Spirito Santo. La paura di cadere nel ridicolo ci impedisce di aprirci ai doni dello Spirito. I carismi certamente sono umilianti, ci portano alla croce. Per questo molti li temono e altri li rifiutano. Tolgono ore al riposo e al sonno. Non migliorano la nostra reputazione, ma ci procurano burle, critiche e sarcasmo... Ma in fondo, se non abbiamo problemi a parlare al microfono, tutto questo si sopporta.

Molti credono che il padre Emiliano Tardif sia un santo, cosa ne pensa?

Ci rido sopra. A volte, mentre sono solo e sto per andare a letto, dico: “Se sapessero chi sono, starebbero più tranquilli”. Sono sempre il curato di un paese, in un’isoletta sperduta nel mar dei Caraibi. Non potrei mai pensare di essere qualcosa di più dell’asino che porta Gesù.
So bene che quando mi coprono di gratitudine, e mi stendono a terra i mantelli, è per salutare Gesù che io porto. E quando l’ho portato, mi rimandano di nuovo nella stalla e al ritorno non ci sono mantelli di fiori né premi: entro nel tempio del mio cuore e dico: “Signore, come sei grande!”.

Il ritorno dell’asino a casa è ciò che ci mantiene umili. La solitudine e restare al cospetto di Gesù non ci permettono di ingannarci. Quando mi inginocchio e celebro con i salmi le meraviglie di Dio, penso che se la gente conoscesse meglio Dio, si fisserebbe meno su di noi. La mia comunità sa che non sono santo, ma che desidero diventarlo. E’ la vocazione di tutti i battezzati. Sbagliamo quando pensiamo che un santo è solo qualcuno che compie miracoli o la cui immagine è sopra un altare.
Per me la santità è molto più di questo: è essere come Gesù. Chi non desidera essere santo? Fin dal battesimo, radicato nella morte e risurrezione di Gesù Cristo, porto in me il germe di santità per il dono gratuito dello Spirito Santo che ho ricevuto senza merito.

Il dono di guarigione non è un segno di santità, è un dono gratuito. Se lo metto al servizio degli infermi con pazienza e amore può contribuire a santificarmi, perché è un esercizio di carità, talvolta molto pesante. Un giorno qualcuno mi ha detto: “Emiliano, non ti spaventa che la gente ti canonizzi da vivo per i numerosi miracoli?”. Ho risposto: “Preferisco che mi credano un santo, piuttosto che un bandito”.

Cosa prova per quelli che non guariscono ?

Provo compassione, ma non li considero defraudati di qualcosa. Preciso che Gesù non ha mai detto che tutti gli ammalati guariranno, ma che avrebbe dato dei segni per evangelizzare. Le guarigioni sono segni che accompagnano l’annuncio del Vangelo, ma non è necessario che tutti siano guariti per credere alla Parola di Dio.



“El don de sanacion”, por el padre Emiliano Tardif. Libera traduzione di Patrizia Cattaneo dal sito :
http://radiocristiandad.wordpress.com/2007/06/14/el-don-de-sanacion-segun-el-p-tardiff/



PADRE TARDIF “SERVO DI DIO”


Il 1° novembre 2010 la Comunità dei “Servi di Cristo Vivo” fondata da padre Emiliano Tardif, ha annunciato che la Congregazione per la Causa dei Santi ha permesso di iniziare l’indagine diocesana della causa di canonizzazione del loro fondatore, a cui la Chiesa riconosce il titolo di “Servo di Dio”.

Padre Tardif, nato in Canada il 6 giugno 1928, parlava correttamente inglese, francese e spagnolo. Questo gli permise di viaggiare in tutto il mondo, predicando in queste lingue alle folle che accorrevano per il suo dono di compiere miracoli e guarigioni.

Entrato nella Congregazione dei Missionari del Sacro Cuore di Gesù (MSC) fu ordinato sacerdote nel 1955. Inviato come missionario nella Repubblica Dominicana nel 1973, si ammalò di tubercolosi e passò un anno di convalescenza in Canada. Fu allora che i membri di un gruppo carismatico pregarono per lui e la sua malattia sparì. Di ritorno nella Repubblica Dominicana conobbe meglio il Rinnovamento Carismatico e scoprì che quando pregava per gli infermi molti di loro guarivano.

Dal 1974 al 1985 affiancò al suo ministero parrocchiale alla predicazione itinerante visitando 71 paesi del mondo. I suoi tre libri (Gesù è vivo, Gesù è il Messia, Il giro del mondo senza valigia) sono tra i più letti dal Rinnovamento Carismatico di lingua spagnola.

Nel 1982 fondò la Comunità Servi di Cristo Vivo, il cui scopo è l’evangelizzazione, che conta 17 comunità in Europa e America. Padre Emiliano Tardif morì di infarto nel 1999 a Córdoba (Argentina) mentre dirigeva un ritiro spirituale a più di 250 sacerdoti. La Repubblica Dominicana indisse una giornata di lutto nazionale. Le sue spoglie riposano a Santo Domingo nella cripta della scuola di evangelizzazione “Giovanni Paolo II”.

Padre Emiliano Tardif è stato dichiarato "Servo di Dio" ed è in corso la causa di canonizzazione.



PREGHIERA PER LA GUARIGIONE FISICA
di Padre Emiliano Tardif


Signore Gesù, credo che sei vivo e risorto. Credo che sei presente realmente nel Santissimo Sacramento dell'altare e in ciascuno di noi che crediamo in te. Ti lodo e ti adoro. Ti rendo grazie, Signore, per essere venuto da me, come Pane vivo disceso dal cielo. Tu sei la pienezza della vita, tu sei la risurrezione e la vita, tu Signore, sei la salute dei malati.

Oggi ti voglio presentare tutti i miei mali, perché tu sei uguale ieri, oggi e sempre e tu stesso mi raggiungi dove mi trovo. Tu sei l'eterno presente e mi conosci. Ora, Signore, ti chiedo d'aver compassione di me. Visitami per il tuo vangelo, affinché tutti riconoscano che tu sei vivo, nella tua Chiesa, oggi, e che si rinnovi la mia fede e la mia anima. Abbi compassione delle sofferenze del mio corpo, del mio cuore e della mia anima. Abbi compassione di me, Signore, benedicimi e fa che possa riacquistare la salute. Che cresca la mia fede e che mi apra alle meraviglie del tuo amore, perché sia anche testimone della tua potenza e della tua compassione.

Te lo chiedo, Gesù, per il potere delle tue sante piaghe per la tua santa Croce e per il tuo Preziosissimo Sangue. Guariscimi, Signore! Guariscimi nel corpo, guariscimi nel cuore, guariscimi nell'anima. Dammi la vita, la vita in abbondanza. Te lo chiedo per l'intercessione di Maria Santissima, tua Madre, la vergine dei dolori, che era presente, in piedi, presso la tua croce; che fu la prima a contemplare le tue sante piaghe, e che ci hai dato per Madre.

Tu hai preso su di te i nostri dolori e per le tue sante piaghe siamo stati guariti. Oggi, Signore, ti presento con fede tutti i miei mali e ti chiedo di guarirmi completamente. Ti chiedo, per la gloria del Padre del cielo, di guarire anche i malati della mia famiglia e i miei amici. Fa che crescano nella fede, nella speranza e che riacquistino la salute per la gloria del tuo nome. Perché il tuo regno continui ad estendersi sempre più nei cuori attraverso i segni e i prodigi del tuo amore. Tutto questo, Gesù, te lo chiedo perché sei Gesù. Tu sei il Buon Pastore e noi siamo le pecorelle del tuo gregge.

Sono così sicuro del tuo amore, che prima ancora di conoscere il risultato della mia preghiera, ti dico con fede: grazie, Gesù, per tutto quello che farai per me e per ciascuno di loro. Grazie per i malati che stai guarendo ora, grazie per quelli che stai visitando con la tua Misericordia.


Home page | Rassegna stampa | I miei libri | Luoghi di guarigione | Aiuti per la liberazione | Racconti dell'aldilà | Articoli | Preghiere | Link | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu